Interviste
In viaggio con un paesaggista: Francesco Gola

SPAIN © FRANCESCO GOLA

20/08/2018
Lorenzo Montanari

In viaggio con un paesaggista: Francesco Gola

“In viaggio con un paesaggista” è uno spazio dove intervisto un fotografo paesaggista italiano. Ma non paesaggisti a caso, gente importante eh 😉

Francesco Gola è l’intervistato di oggi.

Francesco ama il mare, e ama le lunghe esposizioni. Queste sono le caratteristiche principali delle sue stupende foto.

Ma le sue foto sono molto di più. Per lui sono un collegamento tra il suo mondo interiore di sogni ed emozioni, e quello esteriore della Natura.

Nella sua esperienza può vantare clienti e collaborazioni con nomi del calibro di Nikon, Apple, NiSi e Capture One.

Bello eh?

Ora veniamo a noi.

Allora, intanto ciao e grazie di aver accettato di fare questa breve intervista 😊

Partiamo dalla cosa più importante, la meta: come la scegli?

Hai presente quando sotto la doccia ti viene la risposta geniale alla domanda che ti hanno fatto tre ore prima e alla quale non hai saputo rispondere? Più o meno è così. Infatti la meta è una folgorazione, mai una vera e propria pensata, e arriva quando lo decide lei, non quando serve a te. Può venire guardando la copertina di un libro, sfogliando cose a caso su internet, guardando hashtag improbabili su Instagram. Una volta l’ho trovata guardando l’etichetta di uno shampoo al supermercato, giuro, e ci ho organizzato dietro un viaggio di una settimana in solitaria in un’isola scozzese.

La parte più importante è percepire quando viene, per non tarparle le ali. A quel punto partono le mille domande: “ma quindi quel faro dov’è?”, “ma ci si arriva senza traghetto?”, “e il sole dove tramonta?”, “ma le maree?”.

E così, in men che non si dica, mi infilo in quella che reputo la parte più divertente di tutte, che mi permette di viaggiare ancor prima di alzarmi dalla scrivania: la pianificazione.

Io, da aspirante paesaggista, mi trovo sempre a dover coniugare due approcci per me differenti, ma complementari, alla fotografia di paesaggio: la pianificazione e il semplice vagare in cerca di ispirazione. Una volta scelta la meta, tu come procedi all’organizzazione del viaggio? Pianifichi nei minimi dettagli (con tanto di software per la posizione del sole e ore di golden e blue hour) ogni scatto, o “vagabondi” in cerca di idee?

Credo che vagabondare nella natura con il cavalletto in spalla e le cuffie nelle orecchie sia stato il motivo per cui abbia iniziato a dedicarmi seriamente alla fotografia di paesaggio.

È qualcosa che consiglio a tutti, perché è davvero un modo per ritrovare se stessi, cosa che servirà sicuramente dopo nella fase di scatto. Purtroppo, però, dopo un po’ mi sono accorto che andare a caso significa quasi sempre fallire nel catturare il momento magico che andiamo cercando, perché lasciamo letteralmente tutto al caso. Se la fortuna è cieca, sulla sfiga… lo sai.

Pianificare così diventa una necessità perché, a meno che non abbiamo davvero dei giorni da perdere e null’altro da fare nella vita, se stiamo una settimana in Scozia a far foto, vogliamo essere al posto giusto al momento giusto, è innegabile.
Iceland - Francesco Gola
Se vai in Islanda ad Agosto per fotografare l’Aurora boreale, probabilmente al ritorno venderai tutta la tua attrezzatura dal nervoso, perché ad Agosto l’aurora non la vedrai sicuro dato che ci sono 24 ore di luce. Così come se decidi di fotografare un tramonto sul mare in Costa Azzurra in estate, perché il sole ti tramonta alle spalle. O come se ti metti in testa di fotografare un maestoso faro in tempesta in Bretagna, quando a causa della bassa marea potresti raggiungerlo a piedi.
Queste sono tute cose che puoi sapere prima, e ormai con una facilità disarmante. E saperle ti permette di scegliere non solo la meta più adatta al periodo a disposizione, ma anche di adattarti agli imprevisti che, quasi certamente, dovrai fronteggiare una volta arrivato in campo, perché nessun piano di battaglia resiste al primo colpo di cannone.
Pianificare non significa portare a casa lo scatto, ma massimizzare le possibilità che hai di farlo.
Infatti è bene ricordarsi e accettare sempre e comunque l’unica regola che governa davvero la fotografia di paesaggio: per quanto tu possa pianificare, Madre Natura è sempre al comando.

Lo zaino di un paesaggista tende a riempirsi facilmente tra ottiche, corpi macchina e accessori vari. Tu come gestisci la tua attrezzatura? Meglio viaggiare leggeri, o meglio avere sempre tutto con sé onde evitare imprevisti?

Il mio approccio nell’attrezzatura è sempre stato molto minimal per diversi motivi.

Il primo è quello della praticità: fare lunghe passeggiate a piedi con chili e chili sulle spalle è davvero una tortura spesso non necessaria, soprattutto quando scoppia il temporale e devi correre a cercare un riparo. In linea generale, non porto mai un corpo macchina di scorta, poiché credo che il livello di affidabilità raggiunto dalle attuale macchine sia tale da garantire una ragionevole sicurezza; e poi non sono mica su una slitta trainata da cani per un viaggio di due mesi al Polo Nord!

Per quanto riguarda gli obiettivi, invece, per me è una scelta mentale. Utilizzo infatti solo due lenti a focale fissa: uno Zeiss 18mm (la mia lente primaria) e uno Zeiss 21mm (quello che affettuosamente chiamo “il teleobiettivo”). Se setti il tuo cervello solo a una o due focali, già camminando nella location di scatto sarai infinitamente avvantaggiato a trovare la composizione giusta, perché il tuo cervello comincerà ad elaborare la scena con quel “poco” che hai a disposizione, invece che autogiustificarsi dicendo “vabè, una zoommata e qualcosa si trova sicuro”. Salvare spazio in obiettivi e corpi macchine mi permette poi di portare una ragionevole abbondanza di accessori, che facilmente possono creare qualche problema per la loro natura poco affidabile.

Scotland - Francesco GolaBatteria di scorta, memory card addizionali, telecomandi di scatto remoto, torce e pile di ogni genere mi assicurano di non restare “a piedi” sul più bello.

Indispensabili per la fotografia di paesaggio i filtri. Anche qui stesso approccio: pochi ma buoni. Non servono mille gradazioni, ne servono due o tre; l’importante è che siano di qualità eccellente, per non andare a vanificare un nostro viaggio epico con attrezzatura da migliaia di euro, in un banale scatto fatto con un fondo di bottiglia che rende tutto opaco.

Infine, anche qui ricorda una legge fondamentale, il Paradosso della Scelta: più attrezzatura abbiamo a disposizione, più faremo fatica a scegliere quale utilizzare.
Insomma, penso che uno zaino snello permetta di mantenere snella e fresca anche la mente.

In base all’attrezzatura, quindi, bisogna scegliere il modo più adatto per portarsela con sé. Tu usi uno zaino, una tracolla, o qualche prodotto che ancora noi non conosciamo?

Non ho ancora trovato il Santo Graal degli zaini, ma penso comunque che lo zaino sia la soluzione migliore per questo genere fotografico. Uno zaino permette di organizzare bene l’attrezzatura per non perdersi a cercare quello che ci serve una volta in campo, oltre che distribuire correttamente il peso sulle spalle quando facciamo lunghe passeggiate. Tracolla, Sling Bag e altre soluzioni sono sicuramente ottime per le uscite in città, ma non per la paesaggistica.

Il vero problema è trovare uno zaino davvero adatto alle proprie esigenze. Se ne stai cercando ancora uno, ti suggerisco di focalizzarti su tre aspetti secondo me essenziali: possibilità di configurare a piacere gli spazi all’interno (e ancor meglio, magari dotato di una unità interna removibile), impermeabilità e adeguato supporto lombare. Ricorda inoltre che alle compagne aeree ben poco interessa se nel tuo zaino fuori misura massima c’è una preziosa reflex o un sacco di patate: va in stiva senza passare dal via. Evita dunque zaini con colori troppo appariscenti per attirare l’attenzione di qualche nazihostess e assicurati che le dimensioni esterne siano all’incirca compatibili con le dimensioni massime della compagnia aerea (circa, perché all’italiana, forzando un po’, qualche centimetro si recupera sempre!).

Ultima domanda, molto libera: lascia un consiglio ai lettori, su come affrontare al meglio la fotografia di paesaggio. 

Credo che il miglior modo di affrontare la fotografia di paesaggio sia con il cuore e con la mente, non con l’attrezzatura.

La migliore reflex, il più nitido degli obiettivi, il più stabile dei cavalletti ti restituiranno solo delle belle cartoline se tutto quello che ti limiti a fare è applicare la teoria imparata.
Non mi ricordo di aver realizzato una buona immagine solo perché di fronte a me c’era un tramonto spettacolare o la tempesta perfetta, ma ricordo esattamente l’emozione che ho provato mentre stavo catturando ogni scatto che poi ho deciso di pubblicare.
Nel momento in cui riuscirai a trasferire quello che provi alla tua macchina fotografica, allora sarai in grado di chiudere quel cerchio iniziato magari, davvero, con un’idea sotto la doccia e, per un istante, sarai tutt’uno con tutto quello che ti circonda.

Ho sempre lavorato per quell’istante, e credo non ci sia miglior obiettivo da provare a perseguire per ogni fotografo di paesaggio.

Spain - Francesco Gola

Puoi seguire Francesco:
Sul suo sito: francescogola.net

 

Lorenzo