Interviste
Luca Manfredi

© LUCA MANFREDI_002

08/01/2013
Ingrid Iotova
2 commenti ]

Luca Manfredi

FP:
Ciao, benvenuto su FotografiaProfessionale.it
Da quanto tempo scatti? Quando è nata la passione per la fotografia? Quando la passione si è trasformata in professione? Hai fatto studi particolari inerenti alla fotografia? O l’evoluzione è stata diversa?
LM:
Grazie a voi!
Ho passato la mia prima giornata in camera oscura all’età di otto anni con mio padre,e devo dire tra la magia dell’immagine che si sviluppava e il buio della camera oscura,ricordo che mi sentivo a dir poco levitare in un altro mondo, fantastico… ti sto parlando dei primi anni ’70 e senz’altro tra le mie mura domestiche era appena arrivato il primo televisore. Negli anni ’80 ho iniziato a esercitare la professione di assistente fotografo moda, i primi ritratti a un giovanissimo Gianfranco Ferre’, alle prime campagne moda… stavano sbocciando nella città di Milano le prime pubblicità visive più estetiche al mondo. Il mondo della moda con la lettera maiuscola. Lo sbocciare della vera passione professionale della fotografia di moda è avvenuta molto più tardi anche perché allora, e non solo allora, fotografo di moda era sinonimo di ricchezza. Macchina fotografica, rullini, sviluppi etc… non erano alla portata di tutti.

FP:
Professionalmente, in quali tipi di fotografia sei specializzato?
LM:
Direi senza ombra di dubbio la fotografia di moda.

FP:
Qual è il tipo di fotografia che ti appassiona al di fuori del contesto lavorativo?
LM:
Mhhh, il ritratto. E poi, amo scoprire e fotografare i costumi delle varie etnie in giro per il mondo.

© Luca Manfredi

FP:
Quali sono stati i fotografi che maggiormente hanno influenzato il tuo stile e quali, quelli che oggi ritieni essere gli “astri nascenti” della fotografia?
LM:
Più che influenzato preferisco dire ammirato… ammiro Peter Lindbergh, Richard Avedon, per la semplicità e l’eleganza con cui presentano immagini tra il femminile e l’androgino. E poi, tra i contemporanei, David Sims.

FP:
Veniamo alla tecnica.
Come scatti? Come si sviluppa di solito la tua giornata di lavoro? Sei un pianificatore o un istintivo? Cosa ti fa decidere quando scattare (compatibilmente con gli obblighi dettati dalla pianificazione di uno shooting?
LM
Scatto in digitale, sono istintivo se i dettati me lo permettono ovviamente, altrimenti scatto quando devo 😉

© Luca Manfredi

FP:
Con che macchina scatti? Come si compone la tua attrezzatura fotografica?
LM:
La mia fedele compagna di lavoro è una Hasselblad medio formato, corredata da una vasta parco ottiche.

FP:
Secondo te cosa fa la differenza tra un bravissimo appassionato di fotografia e un professionista? Qual è il passo da fare per salire quel gradino? È un passo più mentale o di tecnica pura?
LM: Ci sono vari tipi di fotografia e la moda, per quanto mi riguarda, la potrebbe scattare chiunque, oggi come oggi. La grossa differenza tra un professionista e un amatore è la sensibilità del senso estetico e la possibilità di circondarsi di professionisti per la realizzazione degli scatti.

FP:
Che cosa consiglieresti oggi a un fotografo che voglia trasformare la passione in mestiere vero e proprio?
LM:
Direi: “Credici con pazienza e umiltà”

© Luca Manfredi

FP:
FotografiaProfessionale.it si occupa di fotografia e di post-produzione.
Che rapporto hai con il fotoritocco? Che cosa pensi della post-produzione, e che uso ne fai? Ti occupi personalmente della post-produzione dei tuoi scatti?
LM:
Se il budget lo permette, me ne occupo personalmente, altrimenti ho professionisti fidati con i quali mi confronto e che seguono la post per me.

FP:
Segui regolarmente corsi di aggiornamento, relativi alla fase di post-produzione fotografica?
LM:
Ahimè, no. Troppo impegnato a scattare!

© Luca Manfredi

FP:
Un progetto fotografico cui sei particolarmente “affezionato” e di cui ci vorresti parlare?
LM:
Come ti anticipavo prima, la mia passione per le etnie, mi porta -nei momenti di pausa- in giro per il mondo a fotografiare i costumi più svariati.

FP:
Facciamo uno dei nostri giochi preferiti: stai partendo per un lungo viaggio. Puoi portare con te, oltre alla macchina fotografica, una sola ottica: quale sceglieresti?
LM:
Ovviamente, uno zoom!
🙂

FP:
Grazie mille Luca per la disponibilità… e buon viaggio verso la tua prossima destinazione esotica allora!!!

LM:
Grazie a voi e buon inizio 2013!