News ed Eventi
Shoot to Thrill MkIV: ‘azzarola che giornate!

© ANDREA RABISSI – SHELBY

15/07/2013
Simone Conti
1 commento ]

Shoot to Thrill MkIV: ‘azzarola che giornate!

È stato un workshop piuttosto lungo. Le due giornate hanno avuto inizio al mattino presto e si sono concluse a tarda sera, ma quanta energia!

Oggi devo dire che sono un filo stanco, ma decisamente soddisfatto! Sono qui in studio a cercare di mettere insieme gli ultimi tasselli di un progetto che affonda le sue radici in un’idea di diversi mesi fa e mi sono preso un piccola pausa per scrivere questo articolo.

© Giuseppe Buonaiuto - Uomo con il sigaro
© Giuseppe Buonaiuto – Uomo con il sigaro

Tra l’altro è un gran piacere scrivere questo articolo. Voglio mostrare alcuni lavori dei ragazzi che per due giorni, durante questo weekend, hanno studiato con noi il mondo della composizione fotografica. Alcuni erano completamente digiuni di nozioni di composizione, altri sono già impegnati professionalmente nel modo della fotografia, ma da tutti il feedback è stato molto positivo. Ho visto un sacco di belle foto girando tra le file dell’aula durante la sessione di sviluppo dei RAW con Lightroom di domenica. Grazie ai consigli di Simone Poletti, anche chi era completamente digiuno dell’uso di Lightroom ha saputo valorizzare al meglio i propri scatti. Ho evitato di usare la parola postproduzione appositamente, perché gli interventi sono stati minimi, nessuno è ricorso a Photoshop e tutto si è limitato allo sviluppo del RAW e alla sua valorizzazione.

Quando si lavora bene in scatto e la composizione è “potente”, di quelle che “arrivano” subito a farci individuare il centro di interesse… in postproduzione non c’è poi molto da fare, no?

© Andrea Sartori - Cassa di Risparmio
© Andrea Sartori – Cassa di Risparmio

Il “campo di gioco” per la sessione di shooting di domenica era praticamente sconosciuto a quasi tutti ed era sicuramente uno scenario quotidiano: una città della Pianura Padana sicuramente non tra le più belle e ricche di attrattive. Insomma una meta non particolarmente turistica con un centro storico non molto affollato visto il clima (caldo torrido) e il timing (domenica mattina).

© Chiara Scano - Vietato introdurre biciclette
© Chiara Scano – Vietato introdurre biciclette

Il tema era semplice: liberarsi dai preconcetti, il soggetto non conta e la bellezza di un’immagine dipende solo dalla sua struttura e dalla composizione (poi se si trova un soggetto in grado di suscitare emozione… beh, quello è un regalo!).

© Lorenzo Franzoni - Una domenica a zonzo
© Lorenzo Franzoni – Una domenica a zonzo

Quello che conta è la capacità di vedere lo scatto, superare la normalità per riuscire a vedere lo “straordinario” anche in un banale centro urbano una domenica mattina qualunque. Non credi sia così?

© Valentina Visai - Riflessi
© Valentina Visai – Riflessi

Beh, io credo che ci siano proprio riusciti!

Bravi ragazzi, belle foto!

Qui nell’articolo solo una minuscola selezione. Tu cosa ne pensi?

Sei ancora convinto che per fare belle foto occorra essere in una località straordinaria?

Che occorra un soggetto esclusivo? Che siano necessarie luci controllate e soffuse? Pensi che in pieno sole estivo, nel mezzo della giornata è impossibile fare buone foto?

NO EXCUSES! Basta scuse!

Per fare buone foto ricordati… tanto K.I.S.S. e tanto SE.X!!!

Buone foto senza scuse!

Simone Conti

 

P.S.: lo sai vero qual è la traduzione di K.I.S.S. e SE.X?

P.P.S.: Ragazzi, ma chi è stato che ha scritto a Radio Deejay domenica mattina parlando bene di noi?